RSS

Archivio mensile:gennaio 2012

Il Roll

Chiunque abbia mai lavorato in un supermarket (proprio come facevo io durante l’estate per pagarmi gli studi) sa bene che cosa è l’oggetto di tortura della foto qui di fian: il temutissimo roll.

Per chi invece non ha avuto “il piacere” di confrontarsi e dover spingere (quando le ruote funzionano) questa gabbia metallica che può arrivare a pesare anche qualche quintale quando è carica, spiego in pochissime parole di cosa si tratta; il roll è una specie di contenitore che viene riempito di tutti i più svariati prodotti che si possono trovare sugli scaffali dei negozi per evitare che durante il trasporto se ne vadano tranquillamente in giro per il rimorchio del camion ad ogni curva della strada. Ovviamente i magazzinieri ed i commessi si trovano poi a dover combattere con i roll, smistando le merici che contengono nelle apposite corsie dei magazzini o direttamente sistemandole sugli scaffali del negozio. Un lavoraccio infame quando ti tocca sistemare ad esempio un roll carico di confezioni di vasetti di sottaceti. Calcolando che i roll hanno la base di un quadrato da un metro di lato e un’altezza di circa due metri è facile intuire che possono contenere diverse migliaia di vasetti di sottaceti, ma non è per raccontare le disavventure dei magazzinieri che ho aperto questo post…

Questo post tratta di un trio di miei colleghi universitari e della loro casa al primo piano con un salone grande da solo quanto un piccolo bilocale cittadino.

I tre, che chiamerò, Franco, Simone e Daniele (e che di certo ricompariranno anche in qualche futuro post) erano da sempre grandi bevitori di birra (come qualsiasi vero studente universitario) ed abitavano a poca distanza da un market. Le due cose insieme non potevano che creare un miscela esplosiva, sia per la facilità di approvvigionamento del suddetto nettare degli dei che per la storia che sto per raccontare. Infatti una sera tornando a casa dopo l’ennesima cena a scrocco da qualcun altro, specialità questa in cui tutti gli studenti fuorisede sono campioni da medaglia d’oro, passando davanti al market hanno per la prima volta notato che i magazzinieri dello stesso, a sera, lasciavano nel piccolo parcheggio antistante il negozio, i roll carichi del cartone da pressare per la raccolta differenziata.

Non si sa chi abbia avuto l’idea e neanche il perché, si sa solo che il mattino dopo, Franco, Simone e Daniele avevano nel loro soggiorno un roll “preso in prestito” dal parcheggio del negozio lì vicino. Ovviamente nessuno dei tre aveva intenzione di riportarlo indietro ed hanno finito per tenerlo di fianco al televisore. E fin qui non ci sarebbe niente di strano, o forse sì, ma il bello, la parte veramente divertente della storia è che il roll è finito per diventare in brevissimo tempo il “mobile” in cui i tre – ed i loro ospiti – gettavano a casaccio le lattine di birra vuote. L’ultima volta che lo vidi prima di rientrare a casa per i mesi estivi il cumulo di lattine aveva quasi raggiunto l’altezza di un metro e mezzo. Il tutto in poco più di un mese.

Seppi poi che quando un giorno il padrone di casa si presentò da loro, non ricordo più per quale motivo, e vide in soggiorno il roll pieno di lattine vuote che ovviamente emanava un odore fortemente alcolico, commentò dicendo che era stata un’idea carina quella che i tre avevano avuto e ci stava proprio bene lì vicino alla tv.

 

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 1 gennaio 2012 in Case Di Amici